Venerdì Gen 18

Umbria ex sindaco Perugia indagato su casi minimetrò e buco bilancio

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampa

(ASCA) - Perugia, 13 lug - E' un atto dovuto, l'avviso di garanzia all'ex sindaco del capoluogo umbro Renato Locchi (Pd), in relazione alle inchieste sugli appalti per la costruzione del Minimetro' e sul Buco di bilancio del comune.

Lo ha confermato il legale del comune Luciano Ghirga, per il quale ''tutte le operazioni si volte sono in perfetta regola; finanziamenti tutti alla luce del sole, lavori pagati dopo vari collaudi, quindi tutto nel rispetto della norma''. Il provvedimento e' arrivato, dopo che la guardia di Finanza aveva riaperto la situazione degli accertamenti sul buco di bilancio in comune stilando una relazione per il Pm. Sergio Sottani.

L'udienza preliminare per la vicenda appalti si e' svolta oggi in Tribunale, dinanzi al Gip Paolo Micheli, che dovra' decidere se procedere o meno nei confronti delle persone coinvolte. L'udienza e' stata aggiornata al 17 Settembre.

Nell'inchiesta sarebbero coinvolte una ottantina di soggetti (per Ghirga potrebbero ipoteticamente essere funzionari del comune e tutti coloro che hanno avuto a che fare - ha detto - con la formazione degli atti in comune), cosi' alcuni vertici di imprese che hanno lavorato alla costruzione del Minimetro, il sistema di trasporto su rotaia che collega la parte bassa del capoluogo con il centro storico uscito. Il PM, Sergio Sottani, nella sua inchiesta, aveva disposto accertamenti su dirigenti e tecnici della ''Umbria Domani'', impresa capofila di aziende private per la costruzione delle opere edili del Minimetro'.

Le ipotesi dell' accusa, vanno dalla truffa e alla turbativa d'asta europea per un ammontare di 40 milioni di euro, lavori poi suppaltati ad altre imprese, con gare al ribasso. Con questo sistema potrebbe essere stata elusa la norma ed ecco perche' l'inchiesta. Ma la vicenda, ha aperto anche un dibattito politico. Il consigliere regionale Andrea Lignani Marchesani (Cdl per l'Umbria-Pdl) ha commentato la notizia riguardante l'ex sindaco di Perugia Renato Locchi, a cui il Pubblico ministero Sottani ha contestato ''abuso di atti d'ufficio' per le pratiche relative alla costruzione del Minimetro'.

''Nello specifico - ha detto Lignani Marchesani - Locchi e' accusato di aver compiuto ''artifizi contabili' che hanno indotto il Ministero dei lavori pubblici a concedere un finanziamento di 40 milioni di euro per la realizzazione del Minimetro'''. Lignani (CDL) era stato querelato da Locchi, per diffamazione per le critiche mosse sulla vicenda Minimetro'.

red/gc/rob
(Asca)
Copyright © 2019 LaperugiachevogliAmo - via Luisa Spagnoli,4 - 06128 Perugia - Tel 377.188.6647 - CF 94125180540. Tutti i diritti riservati. Questo sito non e' una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001.
powered by Arturo'S Web