Martedì Ago 14

Nuova edilizia o edilizia migliore ?

Venerdì 30 Ottobre 2009 08:11
Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampa
006_METROPOLI400In queste ultime settimane abbiamo assistito ad un gran fervore di conferenze stampa, aventi come tema l'andamento della popolazione in Umbria e nel Comune di Perugia degli ultimi dieci anni. Popolazione in aumento lieve, ma superiore a quello medio del Paese, dovuto esclusivamente all'immigrazione, visto che il saldo naturale tra nascite e morti è negativo.
L'interpretazione proposta dalle Istituzioni locali segue sempre il medesimo leit-motiv: il nostro territorio e la qualità della vita in Umbria sono invidiabili, un vero paradiso, in grado di attrarre irresistibilmente stranieri e italiani provenienti dalle altre regioni. Tutto questo, pur ammettendo la necessità di effettuare indagini sui motivi alla base del flusso migratorio.
Sorvolando sull'opinabilità di tali ragionamenti, in attesa dei risultati dell'indagine statistica, quello che non sorprende affatto è la risposta che viene proposta: siamo sempre di più, quindi dobbiamo costruire di più.
In effetti tutti hanno visto che nel nostro territorio, negli ultimi anni, si sono costruite cubature paragonabili a quelle grandi metropoli, grazie anche alla manodopera extracomunitaria ed è quindi forte il dubbio che l'immigrazione possa essere l'effetto, e non la causa, di questo epocale fenomeno edificatorio.
Ma si sa, l'importante è costruire alloggi e nuove aree industriali e commerciali, altrimenti come potrebbe l'edilizia continuare ad essere il volano fondamentale dell'economia umbra, per il rilancio dei consumi? Questa è, in sintesi, la soluzione proposta dai nostri amministratori, la panacea di tutti i mali. 
In realtà gran parte nostro parco edilizio è datato e bisognoso di grandi ristrutturazioni, specialmente in tema di adeguamento sismico, energetico e qualitativo. Le stesse considerazioni valgono per le attuali infrastrutture idriche, fognarie, stradali e ferroviarie. Ricordiamo, per esempio che, ad oggi, il 30% dell'acqua potabile si perde a causa di tubazioni colabrodo. (http://www2.provincia.perugia.it/Guide-tema/Territorio/Piano-Terr/Atlante-de1/A-6-1/index.htm ).
Ce ne sarebbe quindi di edilizia da realizzare, tale da rendere qualitativamente migliore la nostra vita e quella dei nostri figli; edilizia a grande valore aggiunto, senza necessità di sacrificare aree coltivabili e boschi.
E' evidentemente il potere politico a volere nuove costruzioni. Ma qual'è la ragione di tutta questa preferenza per la nuova edilizia residenziale e commerciale?
Le nuove costruzioni sono fonte di importanti risorse finanziarie, come l'ICI e come gli oneri di urbanizzazione che, con l'entrata in vigore del Testo unico sull'edilizia (DPR 380/2001), possono essere utilizzati, non già per finanziare le necessarie opere, ma per coprire indistintamente le uscite correnti, come gli stipendi. Negli ultimi cinque anni i Comuni hanno sfruttato appieno la possibilità di destinare gli oneri di urbanizzazione per il 50% a copertura di spese correnti e per il 25% a manutenzione ordinaria del verde, delle strade e del patrimonio comunale. Quindi ogni 100 euro pagati caramente dai compratori di case, solo i rimanenti 25 hanno finanziato gli investimenti necessari in strade, illuminazione, fogne, rete idrica, asili, ecc..
Ciò che sgomenta maggiormente è come il territorio sia ormai diventato un fattore di elasticità dei bilanci comunali, cioè a dire: se non copro più le spese correnti, posso consumare territorio, anno dopo anno, e finanziare la realizzazione delle urbanizzazioni facendo ricorso ad alienazioni patrimoniali o al debito, rendendo correnti quelle entrate che in qualsiasi altro paese del mondo sono una tantum, vincolate allo scopo specifico, nonché scaricando sulle generazioni future i costi di tutto ciò.
Infatti, un Comune che si comporti in questo modo può essere assimilato ad una famiglia che venda i propri mobili, un po' alla volta, per acquistare generi alimentari.
Intanto il Cuore Verde d'Italia diventa sempre più grigio e le terre agricole sempre più care.

LaperugiachevogliAmo

Dalla fabbrica del cioccolato alla città del cioccolato

Sabato 24 Ottobre 2009 11:07
Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampa

willy_guarducci

Non c’è crisi globale che tenga: come ogni anno a Perugia, più puntuale delle tasse, ha avuto inizio EUROCHOCOLATE, manifestazione ideata da Eugenio Guarducci, uomo che tutti i cittadini non dimenticano mai di ringraziare ogni mattina appena svegli.
Come ogni anno la città diventa invivibile, bloccata da ingenui turisti (ai quali si perdona il non sapere che gli stessi prodotti venduti negli stand si possono comprare ad un prezzo molto più onesto in qualsiasi supermercato durante tutto l’anno) e da perugini letteralmente impazziti (ai quali non si può invece perdonare nulla).

Leggi tutto: Dalla fabbrica del cioccolato alla città del cioccolato

Movimento che vieni, partito che vai

Venerdì 16 Ottobre 2009 09:38
Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampa
Il 2 ottobre 2009 il PD, partito che si dichiarava di ferma opposizione, è venuto a mancare. Ne danno l’annuncio gli sconcertati elettori.

In questa tragica giornata infatti, alla Camera, per via di ben 21 assenze nelle file del secondo più grande partito italiano (che chiamare d’opposizione è veramente troppo!), il cosiddetto “Scudo fiscale” è stato approvato, il provvedimento permette a chi fa emergere capitali illecitamente esportati di sanare vari tipi di reati tributari e societari. Praticamente dall’estero potranno rientrare capitali di dubbia provenienza, in quanto sarà molto difficile provarne origine.

Se quei 21 deputati non fossero mancati,  per ragioni tra l’altro o ignote o ridicole, probabilmente a quest’ora il governo sarebbe caduto e sarebbe stata evitata l’ennesima legge-vergogna.

Scarica il programma del Movimento 5 Stelle
Ma altri avvenimenti fanno sperare che il paese non sia ormai totalmente alla deriva. Due giorni dopo infatti, il 4 Ottobre, abbiamo assistito a Milano alla nascita del MOVIMENTO DI LIBERAZIONE NAZIONALE.  Le premesse per l’avvio del suddetto Movimento si erano già avute con la formazione delle Liste Civiche a Cinque Stelle a livello locale. I risultati di questo primo esperimento politico erano stati al di sopra di ogni previsione: in alcuni comuni italiani, il “virus grillino” è stato finalmente iniettato e 23 consiglieri sono stati scelti dai Cittadini.

Pensiamo sia dunque giunto il momento di ampliare le prospettive, sia a livello regionale che a livello nazionale. Per questo nasce il Movimento, che con le sue proposte copre l’intera sfera dell’azione politica come avrebbe sempre dovuto essere. A Milano abbiamo sentito parlare di Istruzione ( abolizione della legge Gelmini, investimenti nella ricerca universitaria, valutazione dei docenti universitari da parte degli studenti…), Salute (garantire l’accesso alle prestazioni essenziali del Servizio Sanitario Nazionale universale e gratuito, politica sanitaria nazionale di tipo culturale…), Informazione ( accesso alla rete gratuito per ogni Cittadino italiano, frequenze televisive assegnate mediante asta pubblica ogni cinque anni, abolizione della legge Gasparri…), Energia (no al nucleare, incentivazione dell’uso dei biocombustibili..). Grande spazio è stato riservato al rapporto Stato-Cittadini: tra i punti del Programma è infatti prevista l’abolizione del Lodo Alfano, la non eleggibilità a cariche pubbliche di cittadini condannati e leggi rese pubbliche on line almeno tre mesi prima delle loro approvazione per ricevere i commenti dei Cittadini.

Il Movimento si basa proprio su tutto ciò: non ci saranno tessere di partito e lo stesso programma verrà discusso a lungo, proprio on line, facendo ricorso alla votazione elettronica, con un codice personale e non cedibile; l’adesione sarà libera e gratuita. Questi sono i requisiti minimi per aderire a ciò che potrebbe segnare il nuovo Rinascimento della Repubblica italiana, dove ogni Cittadino conta per UNO.

Crediamo che Partecipare o anche solo appoggiare dall’esterno questo nuovo, neonato Movimento, rappresenti per noi Cittadini l’unica possibilità di far sentire la nostra voce e riacquistare Sovranità e potere decisionale: siamo Cittadini non sudditi.


Distinti Saluti

Paola Orrù - Maria Luisa Brunelli

Come muore un Teatro

Mercoledì 30 Settembre 2009 14:29
Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampa

Fu nel  1717 che sessanta nobili cittadini di Perugia decisero di associarsi con lo scopo di fondare un teatro: nasceva così il Pavone. 292 anni dopo, questo importante luogo, situato nel cuore della nostra città, rischia la chiusura. Che il centro storico stesse morendo era da tempo sotto gli occhi di tutti. A tenerlo in vita solamente universitari e impiegati comunali. Tuttavia uno dei poli culturali finora sopravvissuto alle intemperie economiche ed alla scarsità di afflusso cittadino si reggeva ancora in piedi, grazie alla sua attività cinematografica e alle possibili funzioni a cui si poteva destinare. Infatti il Pavone restava una delle piccole isole indipendenti del centro storico ( assieme al Turreno ed allo Zenith) che, grazie all’esperienza dei Cinegatti, proiettava gioiellini cinematografici snobbati dalla grande distribuzione. Chiaramente è difficile resistere alla concorrenza delle grandi catene di esercizio hollywoodiane che offrono blockbuster ed esperienze cinematografiche all-inclusive a costi contenuti.

Leggi tutto: Come muore un Teatro

Inceneritore nel perugino

Mercoledì 26 Agosto 2009 08:48
Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampa

nonbruciamociilfuturo2012: se il mondo non finisce da solo, ci pensiamo noi

Questo potrebbe essere lo slogan per il progetto del nuovo termovalorizzatore (per gli amici inceneritore) di prossima costruzione in territorio umbro. E' infatti il 2012 la data prevista come termine della realizzazione, o se non altro "dovrebbe essere a buon punto" secondo il giudizio di palazzo Cesaroni. Neanche a farlo apposta, proprio in questi giorni procede l'inchiesta sull'inceneritore di Terni in cui spicca l'accusa di "disastro ambientale". Dato l'eterno contrasto tra perugini e ternani, danno anche ai primi l'occasione di rivalersi sui secondi: Perugia può rovinare l'ambiente come e più di Terni.

Leggi tutto: Inceneritore nel perugino

Pagina 10 di 12

PARTECIPA anche Tu a una nuova PERUGIA

Logoass_senza_bordo

Diventa SOCIO di LaperugiachevogliAmo !

Gli Amici

Comitato NO TUBO
ed il Supergasdotto
Comitato Inceneritori ZERO
Rifiuti e Discariche
Ass. Intra
Libri salvati
Centro Riciclo Vedelago
Trattamento rifiuti e produzione risorse
Gestione rifiuti al SUD
S. Severino: Comune virtuoso
Mary Mancinelli ( AIFVS )
scrive... Buche e Malaffare

Da visitare

Voglio Scendere
Blog di Travaglio, Gomez, Corrias
Democrazia In Erba
Consiglio Comunale dei Ragazzi
Blog Paolo Michelotto
Democrazia diretta dei cittadini
Permacultura
L'utilizzo sostenibile della Terra
Copyright © 2018 LaperugiachevogliAmo - via Luisa Spagnoli,4 - 06128 Perugia - Tel 377.188.6647 - CF 94125180540. Tutti i diritti riservati. Questo sito non e' una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001.
powered by Arturo'S Web